Vertice dei sindaci sull’emergenza coronavirus. Comunicazione dei positivi e sicurezza, le richieste che arrivano dalla Gallura

L’incontro con i vertici della sanità.

Un vertice in video conferenza per fare il punto sull’emergenza coronavirus e non solo.

L’incontro, a distanza, tra i sindaci di centri della Sardegna sede di presidi ospedalieri, l’assessore regionale alla sanità Mario Nieddu, l’assessore agli enti locali Quirico Sanna, l’assessore alla difesa dell’ambiente Gianni Lampis e i vertici regionali e dell’azienda Ats,  si è tenuto il 27 marzo. Presenti alla conferenza il vice sindaco Gianni Addis, il presidente Anci Emiliano Deiana e il presidente dell’Unione dei Comuni Nicola Muzzu.

In questa riunione operativa sono state avanzate diverse richieste per affrontare l’emergenza sanitaria in corso: la comunicazione in tempo reale degli esiti dei tamponi effettuati, cinque posti di terapia intensiva per terapie ordinarie non covid, sottoscritta da tutti i sindaci dell’Unione, la consegna dei dpi (dispositivi di protezione individuale) ai vari ospedali i quali li distribuiranno in base alle esigenze di servizio e ai fattori di maggiore o minore esposizione al rischio.

In particolare la richiesta dei 5 posti di terapia intensiva, formalizzata attraverso una richiesta inviata lo stesso giorno, riveste il carattere della estrema urgenza e si pone nel solco delle linee di intervento tracciate dalla Regione Sardegna con il Piano strategico di attivazione progressiva di strutture di area critica per l’emergenza Covid-19 approvato dalla Giunta regionale.

“Attraverso questo documento la Regione – spiega il vice sindaco di tempio Pausania Gianni Addis – ha pianificato la progressiva attivazione dei posti letto (PL) di area critica nei presidi ospedalieri della regione Sardegna in funzione dell’aumento del numero dei contagiati e dell’avanzamento epidemiologico del coronavirus nel territorio regionale, prevedendo l’attivazione dei PL nei presidi ospedalieri del Nord Sardegna e del Sud Sardegna dedicati ai pazienti contagiati da coronavirus e la conseguente allocazione strategica delle risorse nei restanti presidi ospedalieri da concentrare a favore dei pazienti non infetti da Covid-19”. La richiesta, di evidente importanza, sarà sostenuta anche dall’assessore regionale Andrea Biancareddu.

(Visited 1.134 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!