La Gallura pronta per la zona gialla, ma la parola d’ordine è responsabilità

Tra poche ore la Gallura ritornerà zona gialla.

Mancano poche ore e anche la Gallura tornerà ad essere zona gialla. Una buona notizia per i cittadini, che potranno spostarsi liberamente senza necessità di autocertificazione all’interno della regione, da comune a comune. Ma esultano anche bar, ristoranti e i locali, pesantemente colpiti dalle chiusure, che da domani potranno rimanere aperti fino alle 18.

Uno spiraglio di speranza anche in vista dei prossimi mesi, che potrebbe portare una ventata di ottimismo sulle prenotazioni della ormai prossima stagione estiva, anche se per il momento lo spostamento tra regioni resta vietato fino al 15 febbraio.

Ma un’altra buona notizia potrebbe arrivare dall’ipotesi di estendere gli orari di apertura fino alle 22 per le attività nelle regioni gialle. Al momento però non c’è nulla di ufficiale e il Comitato tecnico scientifico sembra frenare per evitare un innalzamento della curva dei contagi.

L’attenzione resta comunque alta anche per la Sardegna e già dagli scorsi giorni l’invito da parte dei rappresentanti delle amministrazioni locali è quello della massima prudenza e del rispetto delle regole.

Anche se si passa in zona gialla non è un “libera tutti”. Questo in sostanza l’appello che arriva da più parti anche per evitare alcune scene viste in questo fine settimana in molte regioni passate recentemente da arancioni a gialle dove, complice anche il bel tempo, molte persone si sono riversate nelle piazze delle città creando situazioni di pericolo difficili da gestire.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura