Oltre 500 le persone rientrate a Olbia dalla Penisola

Lo conferma il sindaco Settimo Nizzi.

Sono 512 le persone arrivate a Olbia dall’inizio delle restrizioni dei trasferimenti per combattere la diffusione del coronavirus.

A confermarlo è il sindaco Settimo Nizzi, assicurando che sono in atto controlli per evitare la violazione della quarantena imposta. “La stragrande maggioranza – continua il sindaco – sono nostri concittadini che vivono nella nostra città oppure nostri figli che studiano in altre parti d’Italia rientrati per avere a fianco il calore della famiglia”.

Il sindaco poi ha spiegato le nuova ordinanza firmata ieri. Dopo i contagi all’ospedale di Olbia il sindaco Nizzi ha anche rinnovato l’appello a restare in casa e uscire solo se strettamente necessario.

Messaggio 19 marzo

Voglio aggiornarvi personalmente sull'ordinanza di oggi, che adotta misure ancor più restrittive. L'invito rimane sempre lo stesso, restate a casa. Non uscite. I contagi di oggi devono ancor più allarmarci sulla capacità di diffusione del Coronavirus.Abbiamo una sola, grandissima arma, la permanenza tra le mura domestiche.Uniti supereremo questo difficile momento.#iorestoacasa

Pubblicato da Settimo Nizzi su Giovedì 19 marzo 2020
(Visited 1.112 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!