Torturò un clochard ad Arzachena, ora picchia la madre: scatta l’allontanamento

L’allontanamento per un giovane di Arzachena.

Il giovane accusato di tortura ai danni di Filippo, il clochard marocchino di 54 anni trovato morto nel dicembre 2020 ad Arzachena, torna a far parlare di se. Nei giorni scorsi è stato raggiunto da un provvedimento del gip di Tempio, che ha disposto l’allontanamento dall’abitazione in cui viveva. L’accusa è quella di maltrattamenti alla madre e altri parenti.

Il ragazzo comparirà domani davanti al gup per spiegare cosa lo abbia spinto, insieme ad altri ragazzi, a bullizzare e picchiare Abdellah Beqeaw, da tutti conosciuto come Filippo. L’uomo venne ritrovato senza vita nel parcheggio sotterraneo dell’Eurospin. Scene riprese da diversi smartphone e poi rimbalzate in rete, che hanno suscitato grande indignazione.

Condividi l'articolo