I rifiuti di Spiritu Santu non erano pericolosi, si smonta l’inchiesta sul traffico dalla Campania

L’inchiesta sui rifiuti nella discarica di Spiritu Santu a Olbia.

Sono ufficiali gli esiti della relazione conclusiva dell’Arpas sulle analisi dei campioni di rifiuti prelevati nella discarica di Spiritu Santu, a Murta Maria. Nessun rifiuto nè campione analizzato risulta pericoloso. La segnalazione della preoccupante situazione della discarica era partita verso il mese di novembre del 2018. 

Fu denunciato il conferimento di camion carichi di rifiuti provenienti dalla Campania nella discarica di Olbia. L’indagine sulla discarica venne gestita della Procura di Tempio. I carabinieri di Porto San Paolo e i militari del Nucleo operativo ecologico di Sassari, su disposizione della pm Ilaria Corbelli, avevano notificato l’apertura delle indagini al Cipnes, che gestisce la discarica di Spiritu Santu. 

Inoltre, era stata messa sotto sequestro un’area di circa 150 metri quadrati all’interno della discarica, estesa per 120mila metri quadrati. Secondo la Procura, in quell’area sarebbe stata rilevata la raccolta di rifiuti speciali pericolosi provenienti dalla Campania. Furono sei le persone indagate: il presidente del Cipnes Mario Gattu, il dirigente del settore ambiente Gianni Maurelli e altre quattro persone.

(Visited 110 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!