Tragedia di monte Pino, chieste 4 condanne

Chieste 4 condanne per la tragedia del monte Pino.

A Tempio Pausania procede il processo per far luce sulla tristemente nota tragedia del monte Pino dove, quel maledetto 18 novembre 2013 la furia del ciclone Cleopatra aprì una voragine nella strada causando la morte di Bruno Fiore, della moglie Sebastiana Brundu e della consuocera Maria Loriga che stavano transitando in quel momento.

Come riporta l’Unione Sarda, la pm del Tribunale di Tempio ha chiesto 4 condanne, due anni e 8 mesi per Pasquale Russo e Giuseppe Mela, dirigenti della viabilità rispettivamente nell’ex provincia di Olbia-Tempio e della provincia di Sassari. Un anno e quattro mesi sono stati chiesti invece per i tecnici dell’ex provincia di Olbia Tempio Francesco Prunas e Graziano Sini.

Alla base dell’impianto accusatorio ci sarebbero le perizie dei tecnici incaricati che hanno sottolineato, oltre ad alcune lacune nel progetto e nell’esecuzione, anche una manutenzione insufficiente. Ora la palla passerà dunque alla difesa nell’udienza del prossimo 14 gennaio.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura