Uccise il rapinatore nell’area di servizio: condannato il benzinaio di Arzachena

Condannato benzinaio di Arzachena.

La Corte d’Appello di Cagliari ha condannato a 10 mesi di reclusione Lucio Filippeddu, il benzinaio di Arzachena vittima di una rapina avvenuta nell’ottobre 2009. Secondo la Corte, l’uomo sarebbe responsabile di omicidio stradale e colpevole al 50% della morte di Franco Muggiolu, il giovane di Sassari investito e ucciso dal furgoncino guidato da Filippeddu.

L’allarme.

Il titolare era stato avvertito dal sistema di allarme, per questo si era precipitato nella stazione di servizio avendo notato dei movimenti sospetti all’interno del bar. Due giovani, che si trovavano all’interno, una volta scoperti avevano cercato la fuga. Ma la reazione inaspettata di Filippeddu, ormai esasperato per i continui assalti, aveva posto fine alla vita di Muggiolu, di appena 24 anni, che venne raggiunto dalla vettura del titolare che lo investì uccidendolo sul colpo.

L’assoluzione e la condanna.

Filippeddu era stato assolto in primo grado dal gup di Tempio Pausania nel novembre 2015. Nel Aprile 2017, invece, la Corte d’Appello di Sassari ribaltato la sentenza condannandolo a 4 anni e 6 mesi di reclusione per omicidio preterintenzionale. Una sentenza annullata dalla Cassazione, che aveva rinviato gli atti alla Corte d’Appello di Cagliari, che lo ha condannato contestandogli l’omicidio stradale.

(Visited 5.135 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!