Perseguitata dall’ex, una giovane di Tempio racconta il suo dramma agli amici

Il dramma di una 18enne di Tempio Pausania.

Proprio nella data in cui si festeggia la Giornata contro la violenza sulle donne, da Tempio Pausania arriva la notizia di un nuovo caso di maltrattamento. Ma la giovane ha trovato la forza di confidarsi con alcuni amici, che prima hanno allertato i genitori e quindi poi la polizia, mettendo fine all’incubo.

Gli agenti del commissariato di polizia nel pomeriggio di ieri, hanno dato esecuzione alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, emessa dal Gip presso il Tribunale di Tempio Pausania, nei confronti di un diciottenne del luogo.

La giovane che aveva intrattenuto una breve relazione sentimentale con il suo persecutore, aveva cambiato anche le sue abitudini, le frequentazioni con gli amici, modo di vestirsi e di relazionarsi sui social network, subendo violenze fisiche in due occasioni.

Nei confronti del giovane, dopo gli accertamenti, sono emersi comprovati elementi di colpevolezza per reati di atti persecutori e lesioni personali che lo stesso aveva messo in atto nei confronti della vittima. Grazie alle confidenze con alcuni amici, i quali hanno allertato i familiari si è riusciti ad interrompere una situazione che avrebbe potuto portate a situazioni più gravi per la vittima, che ormai sottomessa dal suo aguzzino si era chiusa in se stessa.

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura