Anche Loiri diventa plastic free: da giugno è guerra al monouso

L’ordinanza emessa dal sindaco Lai.

Dal 15 giugno a Loiri Porto San Paolo sarà vietato vendere e utilizzare plastica monouso: bicchieri, piatti, cannucce, buste della spesa non biodegradabili. Sessanta i giorni di tolleranza per consentire ai titolari di attività commerciali, di ristorazione, bar, chioschi e stabilimenti balneari di smaltire le scorte di magazzino.

I titolari di attività di somministrazione di alimenti e bevande, siano fissi che itineranti: ristoranti, bar, pizzerie, take away, stabilimenti balneari e chioschi hanno l’obbligo di distribuire ai clienti esclusivamente posate, bicchieri piatti, cannucce, mescolatori di bevande in materia biodegradabile e compostabile. Due mesi il tempo limite entro cui smaltire le scorte. Ai negozi di alimentari, siano essi supermercati o piccole attività è vietato vendere stoviglie per alimenti, cotton fioc non bio, mescolatori di bevande in plastica monouso. Entro 60 giorni dovranno ultimare le scorte.

In occasione di feste pubbliche, manifestazioni, eventi sportivi, mercatini, sagre, è vietato distribuire agli utenti sacchetti non bio e stoviglie che non siano in materiale biodegradabile e compostabile, bioplastiche di origine vegetale, cellulosa, carta, tela o fibre naturali.

Cittadini residenti e vacanzieri non potranno utilizzare nelle spiagge comunali stoviglie monouso non compostabili, pena una sanzione. AAnche il Comune dà il buon esempio e vieta espressamente di utilizzare materiale plastico monouso all’interno degli uffici comunali.

Le forze di polizia e i barracelli sono chiamati a far rispettare l’ordinanza contro la plastica monouso. In caso di violazione è prevista una sanzione che va da 25 euro a un massimo di 500 euro come prevede la legge nazionale. Saranno eseguiti dei controlli a campione dagli agenti della polizia municipale e dai barracelli sia in spiaggia che nei locali.

(Visited 182 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!