Piano Mancini, il Comitato dei quartieri contro il Comune: “Burocrazia ed inadempienze”

vigili del fuoco alluvione olbia

La denuncia dei Comitati di quartiere a Olbia.

Piano Mancini bocciato e piano alternativo del Comune naufragato. In una il coordinatore del Comitato di quartieri Piergiovanni Porcu denuncia la burocrazia e le inadempienze per mitigare il rischio idrogeologico a Olbia.

“Oggi, primo ottobre 2020, sono passati cinque anni dall’alluvione del 2015 e quasi sette da quella tragica del 18 novembre del 2013 – dice -, che hanno profondamente violato alcuni quartieri della nostra città e purtroppo quasi niente è cambiato sul fronte della messa in sicurezza di Olbia dal rischio idrogeologico. Alla luce delle forti perturbazioni che hanno interessato la nostra regione la scorsa settimana, sono subito riaffiorati quei sentimenti di preoccupazione e sgomento che avevamo faticosamente nascosto nella nostra memoria. I rappresentanti dei comitati di quartiere e di frazione della città, raccogliendo le ansie dei nostri concittadini, pur con tutte le precazioni dovute all’emergenza COVID 19, si sono riuniti lo scorso venerdì 25 settembre, per affrontare due dei nodi tra loro correlati, che sono appunto le priorità all’ordine del giorno: Piano per la mitigazione del rischio idrogeologico e Piano urbanistico comunale“.

Preoccupazione viene espressa per il preavviso di bocciatura in fase di valutazione d’impatto ambientale del cosiddetto Piano Mancini. “Del piano alternativo predisposto dall’attuale amministrazione comunale, presentato come osservazione a quello succitato, non se ne sa più niente, se non la sua esposizione sul sito del Comune di Olbia”, si lamenta il rappresentante, mentre “la città è sempre ad alto rischio idrogeologico ed i suoi cittadini devono convivere con la paura ad ogni allerta meteo, per l’incolumità delle persone e per la salvaguardia dei beni e delle attività lavorative”.

Ovviamente anche il P.U.C. ha stretti legami con il nuovo piano idrogeologico. “Anche noi dei Comitati di quartiere, avremmo voluto dare il nostro contributo, ma abbiamo dovuto prendere atto che ormai il progetto di questo importante strumento di programmazione, si era già concluso. I Comitati di quartiere e di frazione, chiederanno al sindaco di Olbia, ponendo in atto tutte le precauzioni ritenute opportune, di incontrarci per discutere dei suddetti piani, in modo da poter informare al meglio la cittadinanza”, afferma.

                                                                                                                             

(Visited 565 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!