Scoperto un traffico di cocaina dalla Campania alla Sardegna

Nascondevano la droga all’interno dei libri.

I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Sassari, collaborati da personale delle compagnie di Sassari, Alghero, Porto Torres e Napoli, nonché del nucleo cinofili e squadrone eliportato “Cacciatori Sardegna”, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Cagliari, su richiesta della locale direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 6 indagati ritenuti responsabili di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti in concorso. Contestualmente, sono state eseguite perquisizioni locali e personali a carico di ulteriori 16 indagati.

Nel marzo del 2015, le attività info-investigative si concentrano sulle effervescenze che interessano le piazze di spaccio di Sassari e Porto Torres, ove una serie di contrasti interni tra pusher, riconducibili a debiti insoluti, inducono il mercato a cambiare i canali di approvvigionamento della cocaina. Il nuovo fornitore viene individuato in tale Gino, personaggio originario di Napoli e domiciliato a Porto Torres, il quale è in grado di assicurare la disponibilità di ingenti quantitativi di cocaina di eccellente qualità.

Gli approfondimenti informativi su quest’ultimo hanno dato lo spunto all’indagine odierna, incentrata su un sistematico e rimunerativo flusso di “cocaina” che raggiungeva la Sardegna da Napoli sfruttando il servizio postale. Soggetto cardine dell’investigazione è risultato un pregiudicato di origini napoletane e residente a Porto Torres che grazie alle conoscenze personali riesce a creare un canale di approvvigionamento con un pericoloso esponente del Clan “Mazzarella” di Napoli con il quale vengono stabiliti i dettagli inerenti a prezzo e modalità di trasporto.

Tra i modus operandi accertati emerge quello di trasferire sull’isola la cocaina in confezioni che potevano variare nel peso tra i 250 grammi e il chilogrammo inserendole all’interno di libri voluminosi appositamente scavati nelle pagine in modo da ricavare lo spazio necessario.

Responsabile delle spedizioni era uno degli odierni arrestati, il quale oltre ad occuparsi della preparazione del plico provvedeva al suo invio presso l’ufficio postale 12 del capoluogo campano. La destinataria è stata individuata in una donna di Sassari, anch’ella destinataria del provvedimento restrittivo, fino a quel momento ignota alle forze di polizia. Quest’ultima riceveva la cocaina e la custodiva fino all’arrivo dei complici che la prendevano in consegna e la trasportavano in un appartamento ove veniva suddivisa in più involucri, ciascuno destinato a rifornire all’ingrosso alcuni spacciatori della provincia di Sassari nei confronti dei quali sono state eseguite oggi le perquisizioni domiciliari.

Le indagini hanno permesso di ricostruire dettagliatamente tutte le spedizioni di droga e le relative transazioni di denaro. La “cocaina”, contraddistinta dall’elevatissimo grado di purezza pari all’83%, era destinata a tutto il nord Sardegna ed il traffico stimato in 1 chilo circa alla settimana era in grado di generare un profitto complessivo di oltre 1 milione di euro al mese.

Le ipotesi investigative dei militari operanti, coordinati dalla direzione distrettuale, sono state tradotte in richiesta di misura cautelare e condivise dall’ufficio del G.I.P. del tribunale di Cagliari che concordando con la ricostruzione degli inquirenti ha riconosciuto le responsabilità del gruppo criminale che agiva secondo logiche di un vero e proprio mercato articolato su una solida catena di distribuzione.

(Visited 318 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!