Calcio, il Porto Rotondo domina ma pareggia in casa col Monastir

Gli olbiesi si rammaricano per le tante occasioni non concretizzate.

Il Porto Rotondo pareggia a reti inviolate in casa una partita dominata contro il Monastir, diretta concorrente per la salvezza.

Gli olbiesi hanno prodotto numerose azioni offensive, cogliendo il palo in due occasioni e infrangendosi sull portiere Zanda, oggi insuperabile. Al 15′ del secondo tempo l’episodio che sembra poter decidere la partita. Saggia e Ruzzittu dialogano a centrocampo, il pallone giunge a Mulas, che viene steso in area da un difensore. Dal dischetto Pala tenta di piazzare il pallone, ma Zanda intuisce e respinge, e la difesa libera. Secondo rigore sbagliato in una settimana per gli olbiesi. Zanda ha fatto una serie di parate determinanti per il risultato finale, su Ruzzittu, Mulas, Piemonte, lo stesso Pala. Da segnalare il ritorno in campo di Fabrizio Murgia nei minuti finali, dopo 5 mesi dal grave infortunio al ginocchio.

“Un po’ di rammarico perché abbiamo giocato molto bene ma non siamo riusciti a vincere – commenta mister Marini dopo la partita -. Ci teniamo il punto, nonostante 7, 8 occasioni nitide più il rigore sbagliato e due pali. Abbiamo giocato un’ottima partita, non posso rimproverare niente ai ragazzi. Siamo scesi in campo e abbiamo disputato la partita come volevamo e come l’avevamo preparata. Da questo punto di vista la prestazione è confortante. Certo, era un’occasione da cogliere per quanto espresso in campo, essendo anche una diretta concorrente, pure ben messa in campo. Ma non abbiamo subito neanche un tiro in porta, la partita era nostra. Il lato positivo sta nel primo punto del campionato e nel fatto che non abbiamo subito gol e questo ci dà un po’ più di fiducia. Recuperemo Bruno, abbiamo recuperato anche Fabrizio Murgia, oggi tornato in campo dopo l’infortunio, che ha sfiorato la rete di un soffio. Le note positive sono tante. Ci siamo, sappiamo che sono tutte squadre molto preparate, e molto competitive. I risultati di oggi dimostrano che il campionato è molto equilibrato, dove si può perdere e vincere ovunque. Dobbiamo essere bravi anche mentalmente a farci trovare pronti, a lottare e lavorare sodo. Anche la condizione atletica comincia a salire. Due rigori sbagliati in partite consecutive possono capitare, non ce ne facciamo un problema. Dobbiamo continuare a lavorare così, siamo contenti di come stiamo giocando e di come stiamo in campo.

Torna in campo dopo un grave infortunio al ginocchio e 5 mesi di stop forzato l’atteccante Fabrizio Murgia: “Dopo cinque mesi senza toccare il pallone tornare in campo è una sensazione bellissima, mi sono sentito come un bambino che ritrova il giocattolo preferito. Una forte emozione. Sono sempre stato supportato dalla squadra, un gruppo forte che mi ha aiutato a tornare in campo. Spero di poter tornare ai miei livelli e dare sempre di più a questa squadra. Ho dei compagni di reparto di categoria superiore, e mi impegnerò al massimo per mettere in “difficoltà ” il mister“.

PORTO ROTONDO: Melis, Pinna, Orecchioni, Saggia, Muzzu, Varrucciu, Seddaiu, Piemonte, Mulas, Pala, Ruzzittu. In panchina: Deiana, Rassu, Bassu, Vitiello, Mourot, Deiana, Murgia, Delogu, Degortes. Allenatore: Marini
MONASTIR KOSMOTO: Zanda, Idda, Aramu, Magnin, Saias, Balistreri, Savane, Melis, Mossa, Fantasia, Fangwa. In panchina: Serra, Angiargia, Mura, Rinino, Orrù, Piga, Pilloni, Gianni, Anedda. Allenatore: Manunza.
RETI: nessuna.
AMMONIZIONI: Fangwa (M), Zanda (M), Piemonte (P), Ruzzittu (P), Varrucciu (P), Marini, all. (P).

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura