Calcio, Serie C, l’Albinoleffe vince a Olbia contro i bianchi

L’Olbia aveva momentaneamente pareggiato.

L’Olbia, come annunciato alla vigilia, ampiamente rimaneggiata per le numerose indisponibilità, lotta, ma non riesce ad ottenere un risultato utile contro l’Albinoleffe, che vince 2 a 1.

Avvio di gara in salita per l’Olbia, dopo appena tre giri di lancette, si portano in avanti gli ospiti in avanti con un’autorete di Pennington, che di testa corregge in rete il traversone di Giorgione

Dopo la fase di studio iniziale, l’Olbia ha guadagnato campo e cercato di far valere le proprie armi tecniche di fraseggio contro un avversario muscolare e strutturato fisicamente. Al 18′ una insistita manovra porta Arboleda a calciare dal limite una rasoiata che esce di un paio di centimetri alla destra del portiere, mentre al 35′ è Pennington, di testa, a sfiorare lo specchio su cross da corner. 

Senza timori reverenziali, l’Olbia si ripresenta in campo nella ripresa più determinata che mai a riprendersi la partita. E al 51′, un gran pallone lavorato da Ragatzu, finisce sulla rincorsa di Pennington che calcia di collo pieno mandando a lato di un niente a Savini battuto. Il problema è che al 53′ lo stesso Pennington interviene in maniera scomposta un avversario e l’arbitro gli mostra il cartellino rosso. Lo stesso colore che si vede sventolato 3′ più tardi Tomaselli quando si lascia cadere in area: per il direttore di gara sono simulazione, secondo giallo ed espulsione. Insomma, unitamente al doppio ingresso di Belloni e Lella, qualche soffio di novità sulla cronaca che al 59′ registra la folata dell’Olbia: Udoh va via magistralmente ai marcatori che non trovano di meglio da fare che comprimerlo e atterrarlo in area. Dal dischetto va Ragatzu e fa 1-1. 

L’inerzia sembrerebbe spingere l’Olbia verso il ribaltamento del risultato, tanto che Biancu sfiora per due volte il gol direttamente da corner. Poi, però, riemerge la fisicità dell’Albinoleffe e l’Olbia inizia a perdere qualche metro. Al 73′ Borghini di testa spaventa ma manda alto, ma all’80’, sugli sviluppi di una punizione calciata male, la carambola in area indirizza la sfera sui piedi di Manconi che calcia di prima intenzione e fulmina Tornaghi. Una doccia gelata, per un’Olbia che nel frattempo ha accolto in campo Secci per un esausto Demarcus e che, per l’assalto finale, ritrova dopo diversi mesi Gagliano.

I bianchi ci credono e si gettano in avanti con testa e cuore. A mancare, però, è quel pizzico di fortuna che non assiste Biancu prima (la traversa di cui si è raccontato) e Gagliano poi, che sulla ribattuta del legno, controlla bene ma calcia a lato da buonissima posizione. 

Il ritorno alle partite non premia dunque l’Olbia che mercoledì, sempre al Nespoli contro la Pistoiese, giocherà un match point importante per rilanciarsi in classifica. 

TABELLINO
Olbia-Albinoleffe 1-2 | 33ª giornata 

OLBIA: Tornaghi, Arboleda, La Rosa (83’ Gagliano), Altare, Demarcus (77’ Secci), Occhioni (58’ Belloni), Biancu, Pennington, Marigosu %58’ Lella), Ragatzu, Udoh. A disposizione: Van der Want, Cabras, Putzu, Cossu. Allenatore: Max Canzi.
ALBINOLEFFE: Savini, Canestrelli, Mondonico, Riva, Borghini, Gelli, Piccoli (46’ Nichetti), Giorgione (90’ Genevier), Tomaselli, Cori (66’ Maritato), Manconi. A disposizione: Paganessi, Caruso, Berbenni, Gabbianelli, Ghezzi, Petrungaro, Galeandro, Ravasio. Allenatore: Marco Zaffaroni.
ARBITRO: Mattia Ubaldi di Roma 1. Assistenti: Markiyan Voytyuk (Ancona), Giuseppe Luca Lisi (Firenze). Quarto ufficiale: Enrico Mappai (Cagliari).
MARCATORI: 4’ aut. Pennington (A), 59’ rig. Ragatzu, 80’ Manconi (A)
AMMONITI: 21’ Tomaselli, 50’ Demarcus, 86’ Udoh, 89’ Giorgione
ESPULSI: Al 53′ Pennington per intervento falloso e al 56′ Tomaselli per somma di ammonizioni.
NOTE: Gara disputata a porte chiuse. Recupero: 0′ pt, 5’ st.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura