Ritorna la Sagra del Mirto di Telti: il programma degli eventi e degli spettacoli

La Sagra del Mirto di Telti.

La sagra del Mirto di Telti giunta alla sua 26° edizione, può essere considerata a pieno titolo l’evento popolare simbolo della rinascita dopo i lunghi mesi bui. La Pro Loco, guidata da Marilena Suelzu e il Comune guidato dalla  vice sindaca Piera Azzena, affidando la direzione artistica  a Mauro Mibelli hanno confermato di voler condurre l’evento, oltre che verso produttori e piccoli imprenditori del mirto anche  sui binari della valorizzazione di artisti capaci di conquistare il pubblico proponendo spettacoli originali e unici.

Dal 6 all’8 agosto dalle ore 19 in poi  saranno protagonisti assoluti gli stand dedicati ai prodotti derivati dal mirto, la preziosa bacca viola che oggi ha conquistato ogni tipo di mercato dall’alimentare, alla cosmesi. Di sera dalle ore 21 sarà solo spettacolo e musica. Per i produttori questa è la prima concreta occasione per proporre in sicurezza i propri prodotti.

l programma prevede infatti la presenza di vere eccellenze dello spettacolo nazionale e internazionale. Da Francesco Piu, BlusMan di caratura internazionale, al cubano Josè Vergas, virtuoso del violino, fino ai Flamenco Libre di Juan Lorenzo impegnati in una tournèe internazionale. Una novità è rappresentata dagli stages curati da  Paolo Brandano e Gavino Loche. Una serie di incontri unici e mai realizzati destinati a fare da apripista ad incontri futuri.

I protocolli anti-covid prevedono regole precise, da rispettare, per questo motivo non sarà possibile ballare o assistere a danze folkloristiche. Le tre giornate sapranno offrire ai visitatori ( la  scorsa edizione ne ha contato oltre 20.000) argomenti e occasioni di svago di qualità e spessore. Il comune di Telti, rappresentato dalla vice sindaca Piera Azzena, è da sempre al fianco della Pro Loco sia nell’organizzazione della sagra che nella promozione di un evento nato in sordina oggi  appuntamento imperdibile  che caratterizza il territorio. Per il comune è uno sforzo economico importante utile per garantire non solo l’evento, quest’anno privo di finanziamenti regionali a causa dei mancati bandi, ma anche la sua crescita.

In realtà la Sagra del Mirto può definirsi un concreto progetto di marketing territoriale. Gli ingredienti ci sono tutti: ogni anno si svolgono azioni capaci di attirare e favorire le imprese locali, promuovendone una immagine positiva. Esiste una intensa rete di collaborazione fra enti pubblici e imprese private per promuovere la località attraverso il suo prodotto simbolo. A questo si aggiunge la capacità di alcuni privati  che creando l’occasione hanno saputo sviluppare progetti imprenditoriali concreti e oggi  possono vantare aziende avviate e produttive. Insomma dalla passione per la piccola bacca viola , è nata la sagra e con essa anche tutta una serie di occasioni imprenditoriali o di studio che oggi caratterizzano il centro  gallurese.  

 L’esposizione dei produttori e degli artigiani impegnerà tutto il centro di Telti, sulla via centrale troveranno posto le bancarelle tipiche della festa. La Pro Loco ha predisposto una serie di percorsi sicuri, utili per rispettare le regole previste dal piano di sicurezza per il quale il personale impegnato nelle più diverse mansioni ( dalla preparazione e distribuzione del cibo, alla guida sui percorsi) deve essere  vaccinato o sottoposto a tampone. Lo spazio antistante la Chiesa di Santa Vittoria e la Piazza Duomo saranno, invece teatro degli spettacoli serali, per i quali l’ingresso è libero compatibilmente al numero di sedie disposte nel rispetto del piano sicurezza.  La 26° Sagra del Mirto ha una sua speciale colonna sonora, scritta e suonata  dal Maestro Mauro Mibelli “ I suoni del vento e del mare” questo è il titolo della melodia che, con le immagini di Gavino Loche, promuove l’evento del prossimo mese di agosto.  Il Comune e la Pro Loco di Telti, ringraziano la Geasar per l’ospitalità offerta in occasione della conferenza stampa di presentazione della Sagra del Mirto .

Il programma della Sagra del Mirto

Venerdì 6 agosto.

  • ore 19,30  Cortile Chiesa Santa Vittoria: Seminario di Canto “Riscoprire e Connettersi alla voce inaudita“ a cura del Maestro Paolo Brandano.  
  • ore 21.30  Piazza Duomo :  Inaugurazione della 26° Sagra del Mirto – tributo al poeta Matteo Pirina, noto Cuccheddu , accompagnato dalle musica di Mauro Mibelli .
  • ore 22,00 Piazza Duomo: concerto etnico “ Free Folks, storie di donne e di mediterraneo  alla  chitarra e al  liuto cantabile Mauro Mibelli, canto Nicole Ruzittu, piano e fisarmonica Paolo Brandano  percussioni Peppe Albanese e Flicorno Antonio Meloni. 
  • ore  22.00  Piazza Rinascita : Josè Vergas in concerto  

Sabato 7 agosto.

  • ore 19.30 Cortile  Chiesa Santa Vittoria : Seminario di Chitarra del Maestro Gavino Loche
  • ore  22.00 Piazza Duomo :  “Juan Lorenzo Quartet Sevilla Flamenca”  con Juan Lorenzo  alla chitarra,Cristiano Ugolini alla Chitarra, Mauro Perego Cantaor e Lara Ribichini Ballerina.
  • ore  22.00  Piazza Rinascita  :” Và con Calma” di Janara Reyes al contrabasso  e canto, Gianni Filindeu alla batteria, Alain Pattitoni chitarra , Jolanda Pettinau canto.

Domenica 8 agosto.

  • ore  19.30 Cortile chiesa Santa Vittoria:  Seminario di Canto “ Riscoprire e connettersi alla voce inaudita  del maestro Paolo Brandano.
  • ore  19.30  Piazza Duomo: Spettacolo Itinerante con i Drums Circles Tamburi e Percussioni
  • ore  20.30 Piazza Rinascita: Sfilata dei Mamuthones e Issohadores
  •  ore  22.00 Piazza Duomo:  Concerto di Francesco Piu Trio con  Francesco Piu Chitarra e canto, Gavino Riva al basso, Paolo Sciuccu Batteria.
  • Ore  22.00 Piazza Rinascita: “Cuncòrdias in concerto”- Spettacolo di musica Etnica Sarda con  Orlando Mascia alle launeddas, benas, sulittu, organetto, e chitarra. Eliseo Mascia al tamburello, sulittu, truffa , Bruno Camedda alla fisarmonica,  Asael Camedda alla chitarra e  Elisa Marongiu canto.
Condividi l'articolo

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura