Un tavolo per rilanciare l’ospedale di Tempio: ostetricia, ma anche lungodegenza

Un confronto tra Assl di Olbia e rappresentanti dell’Unione dei Comuni dell’Alta Gallura

Questa mattina i rappresentanti dell’Ats Sardegna – Assl Olbia hanno incontrato i rappresentanti dell’Unione dei Comuni dell’Alta Gallura. La riunione è stata il primo atto formale per l’apertura di un tavolo di confronto sul percorso di riqualificazione dell’ospedale Paolo Dettori di Tempio, nel pieno perseguimento dei requisiti previsti dalla riforma regionale della rete ospedaliera.

Nel corso della riunione sono stati analizzati i servizi sanitari presenti nel presidio tempiese e la loro declinazione futura all’interno del contesto territoriale che, come indica la normativa, è composto e completato dai servizi offerti dal distretto territoriale all’interno di un quadro sinergico che prevede una stretta collaborazione con l’ospedale dell’Area omogenea di Olbia e una forte interrelazione con la rete ospedaliera regionale.

In questa cornice l’indirizzo assunto dal tavolo è quello di affrontare, a partire dalle prossime sedute, temi specifici così da poter condividere la corretta riorganizzazione e riqualificazione dei servizi che risultano essere più adeguati alle necessità dell’utenza. Tra questi sono stati menzionati, ad esempio, le funzioni di ostetricia e ginecologia, il percorso di attivazione della lungodegenza e le possibilità di incremento della riabilitazione.

“Siamo soddisfatti del clima costruttivo che ha caratterizzato l’incontro odierno – afferma la direttrice dell’Assl Olbia, Antonella Virdis. Insieme alla rappresentanza dei sindaci dell’Unione dei Comuni dell’Alta Gallura abbiamo pianificato un cronoprogramma per analizzare le possibili linee di sviluppo dell’assistenza sanitaria ospedaliera con l’auspicio di giungere, seduta dopo seduta, alla massima condivisione possibile”.

(Visited 445 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!