Niente carri e sfilate in Gallura a febbraio, ma spunta l’ipotesi di un Carnevale estivo

Il carnevale in Gallura.

Sarà un febbraio senza maschere, coriandoli e carri allegorici, quest’anno, per tutta la Gallura. La pandemia non renderà possibile il tradizionale svolgimento del Carnevale. Non solo per le grandi sfilate per le vie del centro, ma non sarà possibile organizzare nemmeno piccole feste private. E questo, si sa, non è uno scherzo. Da Tempio a Olbia fino ad Arzachena sarà un febbraio con meno baraonda e colori.

Ma forse non tutto è perduto per recuperare la divertente festa. I comitati stanno lavorando, infatti, all’ipotesi di organizzare la sfilata dei carri nei mesi estivi, come luglio o agosto. “Ancora nulla è certo – precisa Ciro Amendola presidente di Amici del Carnevale olbiese – , ma ci stiamo pensando e abbiamo per ora fatto una chiacchierata informale tra soci. Ovviamente data la situazione attuale il carnevale è l’ultima cosa a cui pensare”.

L’ipotesi di un carnevale estivo, con meno carri, ma con lo stesso spirito di quello “tradizionale” potrebbe, però, essere un segnale di ripresa e di speranza della fine della pandemia. Ne sono convinti anche gli altri organizzatori dei carnevali in Gallura. Per tutti il desiderio comune è, comunque, quello di metterci alla spalle l’emergenza coronavirus il più in fretta possibile.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura