Conferenza sanitaria in Gallura, il timone passa al sindaco di Tempio

Il sindaco di Tempio è il nuovo presidente della Conferenza territoriale sanitaria della Gallura

Il sindaco di Tempio è il nuovo presidente della Conferenza territoriale sanitaria e socio-sanitaria della Asl 2 della Gallura. Gianni Addis scelto dai sindaci galluresi alla scadenza del mandato triennale del collega sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda. Un incarico importante per sostenere e difendere con forza le istanze dell’intero territorio del Nord Sardegna, in un momento così delicato per le strutture ed i servizi sanitari galluresi. Con lui, nominato alla vicepresidenza, il sindaco di Loiri Porto San Paolo, Francesco Lai.

Nel prendere la parola, il neo eletto sindaco Addis ha innanzitutto voluto ringraziare il presidente uscente Ragnedda, per la fattiva e proficua guida alla direzione della Conferenza dei Sindaci e per i tanti risultati ottenuti, mettendo in evidenza la sua grande capacità di mediazione tra le parti coinvolte e le diverse posizioni, spesso divergenti, tra le richieste dei sindaci del territorio e la direzione aziendale.
Il primo cittadino tempiese ha poi ringraziato i colleghi per l’attestato di stima e fiducia e ha espresso grande soddisfazione per il nuovo incarico, assicurando l’impegno di rappresentare tutto il territorio della Gallura: “Essere Presidente di questa Conferenza, per un amministratore che opera in una situazione di grande emergenza sanitaria, è un incarico di grande responsabilità ma fin da ora posso garantire il mio impegno sempre più forte e determinato a difendere gli ospedali galluresi – il “Paolo Dettori” di Tempio, il “Paolo Merlo” di La Maddalena e il “Giovanni Paolo II” di Olbia – e la sanità territoriale, punti di riferimento vitali e indispensabili per le tante comunità della Gallura montana, cercando anche di valorizzare e potenziare i rapporti con il “Mater Olbia”; sarà mia cura, inoltre, adoperarmi per fare rispettare gli impegni dell’Atto aziendale, finora quasi totalmente disatteso, e non certo per nostra volontà, dai vertici ASL.

Nel suo intervento il Presidente Addis ha, a tal proposito, auspicato un rapporto più proficuo e collaborativo con la Asl Gallura, non mancando di sollevare una critica chiara e diretta alla mancanza di risposte da parte dei vertici ASL alle reiterate istanze dei Sindaci.
Compito istituzionale della Conferenza socio-sanitaria – che in Gallura riunisce le amministrazioni comunali dei distretti sanitari di Olbia, Tempio Pausania e La Maddalena – è quello di esercitare le funzioni di indirizzo, programmazione, proposte, valutazione e vigilanza nei confronti dell’ASL di riferimento sia in sede assembleare sia attraverso l’attività dell’Ufficio di Presidenza: è l’organismo di governo dei Comuni che ha come obiettivo quello coordinare le politiche sociali, sanitarie e socio-sanitarie nel livello intermedio fra Regione e Distretto.

In questo suo ruolo, “la Conferenza – ha sottolineato Addis – attende un cambio di rotta totale da parte dell’Azienda”, annunciando l’intenzione di avviare un confronto diretto con la Regione, con l’assessore alla Sanità Armando Bartolazzi, con la Giunta e con la Presidente Alessandra Todde, per rappresentare le peculiarità del territorio della Gallura e far sì che la voce dei Sindaci e delle comunità che rappresentiamo portino a concrete e sollecite applicazioni nei fatti da parte dei vertici ASL”.

Seguito e apprezzato dai Sindaci anche l’intervento del neo eletto vice Presidente della Conferenza socio-sanitaria, il sindaco di Loiri Porto San Paolo Francesco Lai che, dopo aver condiviso le considerazioni del Presidente Addis ha ricordato quale debba essere il ruolo dei sindaci nei confronti della politica regionale in un momento così tanto delicato, sia a livello di maggioranza che di opposizione, al fine di ottenere l’attenzione e il coinvolgimento di tutto il Consiglio regionale e della Commissione Sanità.

Da parte di tutti i sindaci della Conferenza, infine, alle istituzioni, la richiesta che vengano attivati quanto prima, in Gallura, i servizi di guardia medica turistica.

Condividi l'articolo