Ennesimo furto di pietre, fermati al porto di Olbia

Una famiglia fermata al porto di Olbia.

Nella serata di ieri, durante le consuete operazioni di ispezione dei passeggeri in partenza dal porto di Olbia – Isola Bianca, è emerso un episodio che ha destato l’attenzione delle autorità locali. Gli agenti della Security dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna hanno fermato una famiglia di turisti svizzeri in procinto di imbarcarsi per Genova, trovando nel bagagliaio dell’auto della famiglia un contenitore contenente diverse pietre.

Le pietre, come è emerso dall’ispezione, erano state prelevate dalle spiagge di Orosei, una delle località più rinomate della Sardegna per la bellezza delle sue coste e la purezza del suo ambiente naturale. Il materiale sequestrato è stato immediatamente consegnato alla sezione operativa territoriale dell’Agenzia delle Dogane per ulteriori verifiche e attività d’ufficio.

Secondo quanto previsto dalla normativa vigente, il prelievo di materiale naturale come pietre, sabbia o conchiglie dalle spiagge è severamente regolamentato, al fine di preservare l’ecosistema fragile delle coste e garantire il rispetto delle norme ambientali.

Condividi l'articolo