Raccolta del Farmaco, oltre 2mila confezioni di medicine donate in Gallura

I dati della Giornata di Raccolta del Farmaco in Gallura.

Durante la Giornata di Raccolta del Farmaco di Banco Farmaceutico che si è svolta dal 9 al 15 febbraio, in Gallura sono state raccolte più di 2000 confezioni di farmaci nelle 17 farmacie aderenti, che aiuteranno le persone indigenti di 18 realtà assistenziali del territorio.

A Olbia sono state raccolte 1100 confezioni di farmaci per un valore di 8.800 euro, in  (ex) Provincia un totale di oltre 2000 confezioni per un valore di 16.200 euro.

Un grande impegno portato avanti anche dalle farmacie aderenti: a Olbia sono state le farmacie Accogli, Casti, Chiari, Delitala, Dessolis-Malesa, Etzi, Imperia, Lanzi-Fralù, Pittulongu e Sanna, In provincia le farmacie Chiodino di Calangianus, Becciu di Padru, Bulciolu a Santa Teresa, Garau a Budoni, le due farmacie Pinna a Tempio e Satta ad Arzachena.

Grande lavoro anche da parte degli enti assistenziali Caritas Diocesana, le Caritas di Arzachena e Luogosanto, il CAV di Tempio, la Società San Vincenzo di Calangianus, la Casa di riposo S. Cuore di Santa Teresa, le Caritas di Padru e Budoni. Mentre a Olbia la Cittadella della carità, le caritas parrocchiali della Sacra Famiglia e de La Salette, il CAV, il Gruppo Volontariato Vincenziano San Paolo, l’istituto San Vincenzo, la Comunità Arcobaleno, le associazioni Labint, Libere Energie e Banco di Solidarietà.

In Italia i cittadini hanno donato 468.000 confezioni di medicinali, pari a un valore superiore a 3,5 milioni di euro. Questi farmaci aiuteranno più di 434.000 persone povere di cui si prendono cura 1.790 realtà assistenziali convenzionate con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Tali realtà hanno espresso a Banco Farmaceutico un fabbisogno paria oltre 979.000 confezioni di farmaci che, grazie alla raccolta, sarà coperto al 48%. All’iniziativa hanno aderito 4.869 farmacie. Sono stati coinvolti più di 14.000 volontari e oltre 17.000 farmacisti. I titolari delle farmacie hanno donato circa 730.000 euro.

Le realtà che offrono cure e medicine alle persone indigenti, sono state particolarmente danneggiate dalla pandemia e avranno sempre più bisogno del nostro aiuto. Come emerge dall’8° Rapporto sulla Povertà Sanitaria, il 40,6% ha sospeso alcuni servizi. Il 5,9% ha chiuso e non ha ancora riaperto.

Non era scontato che la GRF si potesse svolgere, né che la partecipazione fosse così ampia; invece, benché la situazione fosse complicata a causa della pandemia, abbiamo assistito ad un vero e proprio moto collettivo di umanità in chi vi ha preso parte: i volontari, che hanno prestato gratuitamente il proprio tempo e, in certe zone d’Italia, affrontato il freddo per invitare le persone a donare un medicinale; i farmacisti, che hanno ospitato l’iniziativa, diventandone essi stessi volontari, i cittadini che hanno regalato un farmaco (molti dei quali sono andati apposta per questo scopo), le aziende che hanno contribuito all’evento, garantendone la sostenibilità, e le istituzioni che ci hanno supportato. La strada è ancora in salita e, la crisi economica innescata da quella sanitaria, continuerà a impoverire tante persone. Tuttavia, sappiamo che possiamo continuare a contare sull’aiuto di un piccolo popolo di amici generosi”, ha dichiarato Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus.

Banco Farmaceutico può continuare a fornir loro tutto l’anno parte dei farmaci necessari, grazie a diverse modalità con le quali i cittadini possono sostenerlo:

Sostegno Diretto – Banco Farmaceutico, per garantire la consegna dei farmaci in tutta Italia e gestire gli aspetti logistici della distribuzione, ha bisogno di risorse. È possibile contribuire con una donazione diretta attraverso PayPal, con carta di credito, effettuando un bonifico all’Iban IT23J0311002400001570013419, e destinando il proprio 5X1000 al C.F. 97503510154.

Recupero Farmaci Validi – All’interno di oltre 464 farmacie che aderiscono all’iniziativa in 19 province italiane, sono posizionati appositi contenitori di raccolta facilmente identificabili in cui è possibile – con l’assistenza del farmacista – donare i medicinali di cui non si ha più bisogno.

Donazioni Aziendali – Nel 2020, grazie alla collaborazione con 48 aziende farmaceutiche, sono stati raccolti 1.691.781 prodotti (farmaci, integratori, presidi e dispositivi di protezione individuale), pari a un valore di 12.014.677 euro. Invitiamo le aziende a contattarci, scrivendo a silvia.bini@bancofarmaceutico.org

(Visited 164 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!