Intensificate le verifiche della Polfer nelle stazioni: controlli sui bagagli

L’operazione “Stazioni sicure”.

Ieri, 29 novembre 2018, l’operazione “Stazioni sicure”, ha impegnato il compartimento di polizia ferroviaria per la Sardegna nel rafforzamento delle misure di vigilanza e controllo dei vari scali ferroviari: particolare attenzione è stata riservata ai momenti di maggior afflusso dei passeggeri e alle aree dedicate alla sosta.

Con il periodo natalizio alle porte, gli agenti della Polfer sarda mantengono sempre alta l’attenzione verso i viaggiatori e la sicurezza negli ambiti di competenza.

L’attività operativa, ottimizzata grazie all’utilizzo degli smartphone e ai metal detector in dotazione alle pattuglie, ha avuto quali primari obiettivi l’intensificazione dei controlli nei confronti dei viaggiatori e le verifiche sui bagagli: analogo impegno è stato profuso nei servizi di prevenzione volti al contrasto dei reati predatori e del traffico di sostanze stupefacenti o proibite.

Non di secondaria importanza ha rivestito il ruolo basilare della specialità nella prevenzione di comportamenti contrari alla sicurezza pubblica, sensibilizzando i viaggiatori al rispetto delle norme che regolano la fruizione dei servizi ferroviari e l’incolumità delle persone.

“Stazioni sicure”, oltre a rappresentare un quotidiano obiettivo, è stata un’operazione attuata nella Provincia di Sassari con 11 operatori in 5 scali ferroviari, che hanno eseguito accurati controlli anche sui bagagli dei passeggeri. Il contributo operativo del compartimento della polizia ferroviaria per la Sardegna, forte della professionalità e dell’impegno dei suoi operatori, concorre fattivamente ad assicurare e tutelare la pubblica incolumità.

Le qualità professionali e umane dei suo agenti, sono elementi essenziali per assolvere alle prerogative della specialità e per conseguire gli obiettivi di sicurezza partecipata e percepita, raggiungibili solo con la costruzione di un rapporto di fiducia con i cittadini e con la diffusione della cultura del rispetto delle regole.

Condividi l'articolo