Nessun colpevole per i 6 morti nell’alluvione di Olbia del 2013

alluvione olbia

Le assoluzioni per l’alluvione di Olbia.

Non c’è nessun colpevole per quella tragedia, avvenuta nel 2013, che ha spezzato le vite di sei persone, morte nell’alluvione a Olbia, tra cui i piccoli Morgana e Enrico. Il gup del tribunale di Tempio, Marco Contu ha assolto con rito abbreviato, l’ex assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Olbia, Davide Bacciu, l’ingegnere Claudio Vinci e il geometra Francesco Pisanu, per non avere commesso il fatto.

Per gli altri sette imputati che avevano scelto il rito ordinario è stata emessa una sentenza di non luogo a procedere. Le richieste di rinvio a giudizio per omicidio colposo plurimo e disastro colposo formulate dalla pm Ilaria Corbelli sono state respinte. A non andare a processo, oltre all’ex vice sindaco Carlo Careddu, il capo dell’ufficio tecnico Costantino Azzena, Mauro Scanu, Paolo Meloni, Sergio Usai e Michele Territo. La sentenza ha scagionato anche Bacciu, Vinci e Pisanu, dove per quest’ultimo era stato chiesto il proscioglimento.

I legali sostengono che a far cadere le accuse è la mancanza di prove per i capi di imputazione che hanno coinvolto gli ex tecnici del Comune, che erano accusati di essere responsabili a vario titolo per le morti causate dall’esondazione dei numerosi canali di Olbia, a causa del ciclone Cleopatra che investì la città

Condividi l'articolo
Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura