Sequestrati 160 chili di pesce e surgelati destinati a Olbia e Porto Cervo

Il sequestro a Olbia.

Trasportava 160 chili di prodotti surgelati, tra cui pescato, privi della prevista documentazione di tracciabilità destinati a un supermercato di Olbia e a un ristorante di Porto Cervo.

Il trasportatore è stato fermato, nel corso di un’attività di controllo sulla filiera della pesca svolto dagli Ispettori della Direzione Marittima di Olbia – Guardia Costiera, a bordo di un furgone frigo pronto a scaricare i prodotti surgelati nel retro del supermercato al quale questi erano in parte destinati.

Dopo aver verificato l’assenza della prevista documentazione si è provveduto a richiedere l’intervento dei veterinari dell’ASL di Olbia per accertare lo stato di conservazione e la commestibilità dei prodotti e della polizia stradale per sottoporre ai controlli di competenza il mezzo e appurare l’idoneità del mezzo alle norme del Codice della strada.

A carico del trasportatore è stata elevata dagli Ispettori Pesca una sanzione di 1.500 euro per violazione delle norme Comunitarie e Nazionali sulla tracciabilità dei prodotti ittici e il sequestro di tutti i generi alimentari trasportati. Inoltre sono state elevate due sanzioni per un totale di 200 euro e il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni a cura della Polizia Stradale per trasporto conto terzi senza autorizzazione e pneumatici usurati.

I controlli messi quotidianamente in atto dagli Ispettori Pesca del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, ha dichiarato il Direttore Marittimo della Sardegna Settentrionale, mirano a tutelare il consumatore finale e gli stock ittici a protezione della salute pubblica e dell’ambiente marino.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura