Inizia l’estate, voli per Olbia già oltre i 350 euro a tratta

voli Olbia

Tornano i voli salati a Olbia già a giugno.

Nuova stagione, nuovi rincari. Anche quest’anno i voli per Olbia diventano salato per molte famiglie che vogliono trascorrere le loro vacanze estive in Gallura. I biglietti delle compagnie low-cost, solo nel mese di giugno, hanno raggiunto 8 volte il loro prezzo.

Con un low-cost, destinazione Olbia, le tariffe arrivano oltre i 350 euro a tratta, fino a raggiungere cifre che vanno oltre i 500 euro su andata e ritorno. Come ad esempio, un biglietto ”classico” del 19 giugno, per il volo delle 22 da Milano con destinazione Olbia, costa 327,99, a cui va aggiunto il ritorno, che, ipotizzando fosse il 25 giugno alle 20, la cifra è di 197,99, raggiungendo il costo totale di 525,98 euro.  Cifre che nei mesi “più caldi” lievitano ancora di più. Alte anche le tariffe in regime di continuità territoriale, con lo stesso volo che costa 155,72 euro andata e ritorno.

La questione era stata denunciata anche da Assoutenti e Centro di formazione e ricerca sui consumi (C.R.C), che hanno elaborato alcuni dati che mostrano i rincari si abbattono sulle vacanze estive degli italiani. Si tratta di aumenti delle tariffe che riguardano non solo i voli, ma anche villeggiature, dagli aerei ai traghetti, passando per strutture ricettive, ristoranti, e servizi balneari.

Il rapporto ha svelato aumenti del 15% rispetto a giugno per voli di andata e ritorno nel mese di agosto per le famiglie, fino a 972 euro per la tratta Milano-Brindisi a cavallo di Ferragosto. Per viaggiare da Roma a Olbia ci vogliono più di 900 euro e 770 euro da Milano a Cagliari.

Anche i prezzi dei traghetti hanno subìto un aumento, fino a superare le 1.000 per tratta. Così una famiglia di 4 persone e un’auto, secondo il report, che vuole partire tra il 9 agosto e 17 agosto, spende 1.274 euro per la tratta Genova-Porto Torres, andata e ritorno con un rincaro di 1,8% sul 2023. Alte sono le tariffe dei traghetti anche per la Livorno-Olbia, con 1.094 euro di spesa.

Condividi l'articolo