Candela e candelette, differenze e come sostituirle

Candele e candelette sono costituiscono la scintilla di avviamento di un motore a combustione, la fonte di partenza.

Ma in cosa si differenziano?

Presto detto: la prima differenza sta nel motore. È infatti possibile trovare le candele solo nei motori a benzina, mentre le candelette sono ubicate solo nei motori a diesel.

Non solo: la candeletta è necessaria solo nella fase di avviamento di un motore, mentre la candela continua a “lavorare” anche quando un veicolo è in movimento.

Approfondiamo l’argomento, analizzando nel dettaglio ciascun elemento.

Candele: tipologie, funzionamento e segnali di guasto

Come premesso, comunemente troviamo le candele nei motori a benzina.

La loro funzione è quella di andare a produrre una scarica elettrica che va ad attivare la miscela di carburante ed aria che si trova ubicata all’interno delle camere di combustione del motore. In questo caso, il ruolo centrale è giocato dagli elettrodi, che nel momento in cui ricevono l’alta tensione, vanno a formare un arco elettrico.

Esistono diversi tipi di candele che possiamo così classificare:

  • Rame, con un durata che varia dai 15.000 ai 20.000 km;
  • Nickel, la cui durata è circa di 30.000 km;
  • Argento, la cui durata raggiunte i 30.000 km;
  • Iridio, a differenza delle precedenti hanno una durata più elevata che va dai 60.000 ai 120.000 km, e cosa più importante, consentono di ridurre notevolmente il consumo di carburante;
  • Platino, grazie alle loro composizione possono durare fino a 100.000 km, ed inoltre hanno una resistenza maggiore di fronte ad eventuali casi di corrosione ed erosione.

Infine le candele possono distinguersi anche in base al grado termico che riescono a raggiungere:

  • a caldo, adatte a motori con carichi moderati, raggiungono con rapidità temperature di alta pulizia, ma anche di dieseling;
  • a freddo, a differenza di quella a caldo che hanno un isolante lungo, queste sono dotate di un isolante corto, ed inoltre sono resistenti al surriscaldamento, ma hanno bisogno di un tempo maggiore per raggiungere la temperatura di auto pulizia. In questo caso, sono ideali per veicoli con alto carico.

Come riconoscere se è il momento di cambiare le candele?

Ci sono dei segnali che è possibile cogliere tra cui:

  • mal funzionamento del motore, che perde potenza o funziona in modo instabile;
  • un cospicuo aumento del consumo di carburante;
  • difficoltà nell’avviare il veicolo, soprattutto quando fa freddo;
  • sul cruscotto si accende la spia di “avaria motore”.

Le cause a volte possono essere ricondotte alla presenza di fuliggine o carbonio sugli elettrodi, ai connettori danneggiati, alla benzina di scarsa qualità e così via.

Candelette, come funzionano e quando cambiarle

Abbiamo già detto come le candelette siano presenti all’interno dei motori a diesel e come, rispetto alle candele, siano necessarie solo nel corso del ciclo di avvio.

Ma come funziona una candeletta?

Ha il compito di elettrificare l’elemento riscaldante in modo che questo si riscaldi ed emetti una luce visibile, e quindi riscalda il gasolio così da favorirne l’accensione del combustibile.

Quindi possiamo dire come il compito delle candelette di preriscaldo sia quello di creare le perfette condizioni termiche affinché si crei la combustione spontanea della miscela aria-carburante.

Nel momento in cui si sceglie una candeletta, è importante controllarne il passo del filetto di montaggio, onde evitare di acquistarne una che abbia una filettatura differente, rendendone così vano il montaggio.

Detto ciò, vediamo quando e come cambiare un candeletta.

Normalmente, una candeletta, può durare anche 100.000 chilometri. Un’eventuale guasto viene segnalato da una spia sul cruscotto.

È consigliabile procedere con la sostituzione delle candelette contemporaneamente così da evitare un’eventuale squilibrio nell’accensione dei cilindri. Questo inoltre, comporta anche un risparmio nella manodopera, che verrà eseguita un’unica volta.

La sostituzione può essere anche fai da te: in questo caso è opportuno acquistare un apposito kit online o da rivenditori specializzati in ricambi d’auto. Tuttavia, se non si è molto pratici, il consiglio migliore è quelli di rivolgersi ad un’officina, soprattutto perché è un po’ difficile sostituirle da soli, data la loro posizione poco agevole.

I costi di sostituzione non sono elevati: parliamo infatti di circa 10-15 euro per ogni candeletta. L’operazione non richiede molto tempo.

Per maggiori informazioni visita: https://www.auto-doc.it/pezzi-di-ricambio/candela-daccensione-10251
https://www.motorimagazine.it/quanto-costa-cambiare-candelette-diesel/

(Visited 402 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!