Gamberoni, agnello o porcetto? I consigli e le ricette di Pasqua di mia nonna

Le ricette per Pasqua.

Tutti abbiamo qualche parente in casa imbattibile in cucina: un piatto senza eguali che viene proposto soprattutto nei giorni di festa. In questo periodo, purtroppo, siamo costretti a passare la Pasqua ognuno in casa propria, ma non c’è niente di meglio che prepararsi qualcosa di buono e di speciale per tenere alto l’umore. Ecco quindi alcuni consigli di nonna Francesca per preparare dei grandi classici: i gamberoni, l’agnello o il maialetto.

I gamberoni arrosto: nel caso in cui abbiate comprato i gamberoni surgelati, bisogna scongelarli il giorno prima mettendoli in frigo. Prima di cuocerli, bisogna lavarli e rimuovere l’intestino (la parte nera che si trova sopra) aprendo leggermente la testa. Una fase importantissima è quella di eliminare l’acqua in eccesso. I gamberi non devono essere troppo bagnati. Una volta puliti, possiamo sistemarli in una teglia e farli marinare con aglio e prezzemolo tritati con aggiunta di vino bianco e peperoncino. L’ideale sarebbe farli marinare un po’ prima di cuocerli nel forno a 170 gradi per 30 o 40 minuti. Non abbandoniamo i gamberi nel forno, controlliamo la cottura per non cuocerli troppo.

Per la carne, che sia maialetto o agnello, la cottura sulla griglia è imbattibile. Ma per chi ha a disposizione soltanto il forno, il segreto è il tempo e la cottura a temperature molto basse. La carne può essere messa in forno a pezzi interi ma dovranno cuocere per almeno due ore. Fondamentale è appunto una bassa temperatura per non bruciare la carne. Bisogna girarla di tanto in tanto e farla rosolare per bene. Per verificare la cottura, è sufficiente fare una prova con la forchetta. Se una volta infilata esce senza sforzo, vuol dire che la carne è pronta. Per insaporire il maialetto possiamo utilizzare anche le foglie di mirto da mettere sulla teglia o sopra la carne.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura