Dalle banchine a Cala Gavetta, nuovi lavori per il porto di La Maddalena

Il sopralluogo al porto di La Maddalena.

L’assessore dei Lavori Pubblici, Aldo Salaris questa mattina ha visitato il porto de La Maddalena nel corso di un sopralluogo finalizzato a verificare lo stato delle opere e recepire le richieste arrivate dall’Amministrazione Comunale in merito ad alcuni lavori considerati necessari e urgenti.

Il Comune, sulla base delle segnalazioni della Capitaneria di Porto ha infatti evidenziato la necessità di un nuovo, ulteriore, intervento di manutenzione straordinaria in una delle banchine, “Banchina Poste”, per un fabbisogno finanziario quantificato in 2 milioni di euro. Altra necessità di intervento di manutenzione straordinaria e il ripristino delle infrastrutture esistenti riguarda l’ambito di Cala Gavetta, per la quale il Comune ha segnalato alcuni dissesti che rischiano di aggravarsi qualora non si intervenga in tempi brevi: in quest’ultimo caso il Comune ha quantificando il fabbisogno finanziario in  1,4 milioni di euro.

“La Regione è impegnata nel lavoro di ammodernamento infrastrutturale della Sardegna, con un’attenzione particolare a quelle infrastrutture ritenute strategiche per lo sviluppo futuro della Sardegna, i porti”, ha commentato l’assessore Salaris.

Il Comune de La Maddalena è stato già destinatario di un finanziamento complessivo di 17 milioni per il Waterfront. Parte di queste risorse sono state già spese per l’attuazione di interventi di riqualificazione come Cala Balbiano e per la sistemazione e messa in sicurezza della Banchina Poste. Proprio oggi sono stati consegnati i lavori urgenti di messa in sicurezza della banchina Zonza il cui intervento è di fondamentale importanza per il mantenimento del collegamento con l isola madre, dato che garantisce la continuità.

Guardando alle infrastrutture portuali nel loro complesso, la Regione è impegnata nella predisposizione del Piano regionale della rete di portualità turistica che ha come obiettivo il completamento della rete della portualità turistica della Sardegna, trasformando così l’Isola in meta privilegiata della navigazione per il diporto, in virtù della sua posizione strategica al centro del bacino del Mediterraneo Occidentale, del pregio ambientale della costa e dell’entroterra, della qualità delle strutture e dei servizi portuali offerti. Tra i porti della costa Nord orientale ricompresi nella rete dei porti turistici figura anche quello de La Maddalena, la cui Amministrazione comunale ha di recente ottenuto dall’Assessorato degli Enti Locali la delega per la redazione del Piano Regolatore Portuale e ha già affidato i relativi servizi d’ingegneria. I futuri interventi di riassetto generale dell’infrastruttura saranno quindi prefigurati nell’ambito del Piano regionale della rete di portualità turistica.

Condividi l'articolo