I quartieri periferici di Olbia nell’emergenza, la denuncia del comitato di Isticadeddu

Il presidente Porcu del comitato di Isticadeddu.

La “bomba ecologica”, scoppiata nel quartiere di Sa Corroncedda, forse è riuscito a far emergere lo stato in cui si trovano molti quartieri periferici della città di Olbia. Centri abitati che ogni giorno hanno a che fare con situazioni di degrado e ancora tante cose da fare. In particolare nel quartiere Isticadeddu esistono ancora vie senza illuminazione e servizi e strade a ridosso dei fiumi in piena.

“Dal 2013 ancora queste vie non sono state messe in sicurezza – ha detto Piergiovanni Porcu, presidente del comitato Isticadeddu – . In questi giorni però in Consiglio comunale si è discusso sullo stanziamento di 3 milioni di euro per la messa in sicurezza delle sponde e 600.000 per quanto riguarda i fiumi che passano nel nostro quartiere”.

L’anno 2019 è stato decisivo per alcune migliorie apportate nel quartiere, con l’asfalto di via San Severino. “Alcune vie restano senza illuminazione e marciapiedi, come via Marco Polo, ed è difficile da praticare per i bambini che tornano da scuola”, ha detto Porcu.

Note sull'Autore

Gallura Oggi il quotidiano di Olbia e della Gallura | Notizie da Olbia, eventi in Gallura