Cosa fare se scappa la pipì in centro a Olbia, tra bagni pubblici e bar aperti

I bagni pubblici nel centro di Olbia.

Ti scappa la pipì nel centro di Olbia? Attenzione alle multe. Ma i bagni ci sono? Se al centro storico sorgesse un impellente bisogno fisiologico, cosa potreste fare? È un tema che non dovrebbe passare inosservato, perché l’altra sera un 40enne è stato multato con 5mila euro per atti contrari alla pubblica decenza ha fatto discutere parecchio in città.

Un provvedimento che divide i cittadini, tra chi lo ha ritenuto esagerato e chi ritiene giusto punire l’inciviltà nel centro storico. I contrari, hanno lamentato la carenza di servizi pubblici nel centro storico. Ma è davvero così?

A questo proposito si esprime l’assessore ai Lavori pubblici Giampiero Palitta: “Gli esercenti per legge sono obbligati a mettere a disposizione il bagno pubblico”, spiega. E sulla carenza di vespasiani ha fatto sapere che esistono aree dotate di bagni pubblici, gestiti da Aspo. “Sono presenti nei parcheggi di via Nanni – ha detto Palitta – e in via San Simplicio”.

Propone un’idea alternativa, invece, Gianni Ponsanu, presidente dell’associazione IoCentro: “Oltre agli esercizi pubblici, ci vorrebbero dei bagni pubblici a gettone all’interno delle viuzze del centro storico, come avviene nelle grandi città e magari può creare anche lavoro”.

In merito alla vicenda della multa, Ponsanu precisa di non esserne al corrente, “ma va detto che non è un deterrente per la maleducazione di alcuni cittadini che trasformano il centro in una latrina pubblica e che è giusto condannarli”, conclude il presidente.

(Visited 1.386 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!