Calcio, l’Olbia in casa stende la Pro Sesto per 5 a 0

marino olbia calcio coronavirus

I bianchi salgono a 27 punti.

L’Olbia di Max Canzi stende per 5-0 la Pro Sesto, con tre reti nel primo tempo due nel secondo. Si sblocca Cocco, che ci prende gusto e raddoppia al 28′, lo imita Ragatzu, e chiude Biancu. LOlbia sale a 27 punti, in quintultima posizione.

Al 1′ Emerson al cross, e Cocco di testa segna l’1-0. Al 28′, ancora in gol Cocco, di testa, su calcio d’angolo di Emerson. Al 35′ 3 a 0 di Ragatzu su rigore per fallo di Franco su Lella. All’inizio del secondo tempo arriva il quarto gol, in contropiede, firmato da Ragatzu. Il sigillo finale arriva al 10′ con Biancu, ancora in contropiede.

“Oggi – ha affermato il presidente Marino – la squadra ha disputato una bella partita raccogliendo quello altre volte non era riuscita a raccogliere. Abbiamo fatto cinque gol e questo è un bel segnale, ma ricordiamoci che la vittoria vale comunque tre punti, non di più. Non aver subito gol per due partite consecutive è un dato molto importante perché se da una parte stiamo segnando molto di più rispetto al girone d’andata, da qui alla fine dobbiamo bisognerà alzare la soglia di attenzione dietro se vogliamo arrivare a conquistare quanto prima gli obiettivi prefissati”. 

Tra tre giorni la partita contro la Lucchese. “Alla squadra ho fatto i complimenti e detto che adesso non deve staccare la spina perché sabato si torna a giocare e dobbiamo approcciare le prossime partite come se stessimo giocando un torneo, la Coppa del Mondo. Questo girone è molto equilibrato, nessuno può permettersi di abbassare la tensione“. 

In settimana era arrivata la novità dell’elezione nel Consiglio Federale del presidente dei bianchi: “Mi fa sopratutto piacere che Olbia possa essere rappresentata per la prima volta nel Consiglio Federale, credo che sia un vanto per tutti. Abbiamo davanti un quadriennio olimpico da sfruttare al meglio. Dopo aver provato il consenso sui progetti, adesso dobbiamo tutti essere in grado di trovarlo nella riscrittura delle regole. Lo dico da diversi anni, il calcio italiano non può andare avanti accumulando perdite su perdite e deve trovare le soluzioni giuste per avvicinarsi al modello inglese. Oggi non possiamo parlare di sistema calcio perché il valore è generato esclusivamente dalla Serie A. La Serie C? Se il vertice del calcio ci considera un peso e non un valore, forse qualche domanda dobbiamo farcela. In Inghilterra la Premier ha erogato alle serie inferiori contributi e prestiti e per un totale di 280 milioni di euro. Questo non per beneficenza, ma perché c’è consapevolezza di un sistema che funziona. Come Serie C non dobbiamo battere i pugni, ma anzitutto capire come possiamo essere più utili“. 

(Visited 226 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!