Calcio, il San Teodoro Porto Rotondo al secondo risultato utile

eccellenza gallura simone marini san teodoro porto rotondo calcio

La nuova squadra di Marini batte la Tharros.

Il San Teodoro Porto Rotondo, squadra nata dalla fusione del Porto Rotondo con il San Teodoro, dopo il pareggio di domenica scorsa contro il Sant’Elena per 2 a 2, ha battuto la matricola Tharros per 1 a 0 in casa.

Nel primo tempo si gioca a ritmi abbastanza elevati, nonostante il caldo. كيف تلعب بلاك جاك Il San Teodoro Porto Rotondo ha tre occasioni nitide nate da calci piazzati, non riuscendo a concretizzare occasioni per sbloccare la gara, mentre la Tharros non riesce a rendersi veramente pericolosa.

Nel secondo tempo la gara procede con lo stesso ritmo per circa 30 minuti, poi la stanchezza si fa sentire. Il gol partita arriva al 30′ con una azione orchestrata sulla sinistra da Piemonte e Molino, che ha confezionato l’assist per Mulas, smarcato sul secondo palo e pronto a depositare il pallone in rete. Dopo il gol il San Teodoro Porto Rotondo abbassa il baricentro, e la Tharros cerca di approfittarne, senza riuscire a trovare il pareggio. I padroni di casa salgono a 4 punti, mentre gli ospiti rimangono fermi a 3 punti

“I risultati positivi fanno sempre piacere. Questa vittoria ci avvicina al nostro obiettivo finale, che è la salvezza – afferma il tecnico dei viola Simone Marini. Gli elementi importanti sono la continuità e l’atteggiamento della squadra. E’ quello giusto, sia da parte dei più grandi che da parte dei ragazzini. Tanta umiltà e voglia di lavorare, anche se siamo partiti in ritardo rispetto agli altri e non abbiamo fatto la Coppa Italia. Dovremo passare attraverso mille situazioni difficili, ma con questo atteggiamento e con i nostri giocatori di qualità cercheremo di giocarcela. L’inizio è buono. Domenica saremo a Lanusei contro un avversario molto forte, e arrivarci con qualche risultato utile ci fa piacere”. العاب ربح

L’ossatura della nuova squadra di mister Marini è quella del Porto Rotondo delle ultime stagioni, con qualche novità. “Gia ai tempi del Porto Rotondo il blocco squadra ha sempre avuto tra i propri pregi quello di essere un ottimo gruppo, sempre molto accogliente coi nuovi arrivi – prosegue mister Marini -. Anche quest’anno è andata così, ed è merito anche del modo in cui si sono posti i nuovi arrivati. L’idea era quella di trasferire le caratteristiche della vecchia squadra a quella nuova. Anche valorizzando i nostri fuori quota – sabato titolari Delogu e Bassu – che hanno fatto una grandissima partita. La nuova squadra punta soprattutto su giocatori della Gallura, locali. L’obiettivo è sempre quello di dare continuità ponendo delle basi per il futuro, e non quello di riprogrammare da zero ogni anno”.

La squadra conta sull’innesto di nuovi giocatori. “E’ cambiata, ovviamente, qualche caratteristica per via dell’apporto dei nuovi – spiega Marini -. Non abbiamo più Seddaiu, Bruno e Luciano. C’è il ritorno di Malesa, che può fare l’esterno basso e alto a sinistra ed è un giocatore esperto e di spinta. A centrocampo abbiamo Molino, un giocatore di grandissima esperienza e qualità, che credo possa darci una mano a trascinare il gruppo, con l’entusiasmo con cui si è posto, che ha stupito anche me. Un giocatore di grandissima esperienza che si è messo a disposizione con umiltà. C’è anche Simone Saiu, un altro centrocampista esterno offensivo molto bravo, un ottimo acquisto. Abbiamo anche Fideli, un ragazzo del posto, buon calciatore. Abbiamo inserito tanti giovani dagli Allievi e dalla Juniores come è nostra abitudine. Credo potremo ricalcare le prestazioni della squadra dell’anno scorso, e speriamo anche i risultati, anche se non sarà facile. Lo spirito di squadra è costante, e deve essere sempre quello”.

La nuova società, guidata sempre dal presidente Ezio Setzi, conta sull’apporto di dirigenti locali di San Teodoro, dove la squadra gioca le partite in casa. “I dirigenti ci hanno messo in condizioni ottimali – conclude Marini -. E’ stato fatto un grande lavoro per la preparazione del campo e del pranzo. C’è tanto entusiasmo, e questo lo respiriamo. Vedere tanta partecipazione e tanta voglia di aiutarci, ci dà una spinta in più. E noi col nostro impegno e le nostre prestazioni, e speriamo anche il più possibile coi risultati, cercheremo di ripagare la grande accoglienza ricevuta“.

Condividi l'articolo