Arzachena Calcio, salvezza matematica. Mister Giorico: “Dedicata ai tifosi”

Mauro Giorico Arzachena Costa Smeralda Calcio

L’allenatore dell’Arzachena analizza la stagione.

Con il comunicato n.258/div del 19 aprile 2019 il Giudice Sportivo, omologando la vittoria a tavolino per 3 a 0 dell’Arzachena Calcio contro la Pro Piacenza – già prevista in conseguenza della delibera di esclusione dal campionato della società piacentina contenuta nel comunicato n.191/div del 18 febbraio 2019 – rende matematica la salvezza dei biancoverdi di Arzachena, maturata anche in virtù del pareggio per 1 a 1 tra Cuneo e Albissola, rispettivamente diciottesima con 23 punti e diciasettesima con 27 punti, con soli sei punti ancora a disposizione. Comunque vadano gli ultimi due turni del campionato, l’Arzachena è matematicamente salva. Nella peggiore delle ipotesi, se Albissola e Cuneo vincessero entrambe le ultime due partite a disposizione guadagnando sei punti a testa e l’Arzachena guadagnasse 0 punti, l’Arzachena verrebbe raggiunta dall’Albissola a 33 punti, ma non dal Cuneo, che andrebbe allo spareggio con la terzultima del gruppo C.

E’ un successo del gruppo dei calciatori, rimasto unito fino alla fine e capace di includere i nuovi acquisti facendoli ambientare subito, ma soprattutto del tecnico Mauro Giorico, che ha saputo tenere unita la squadra ed individuare le lacune dell’organico, dando al Direttore Sportivo le indicazioni giuste per individuare i giocatori che potessero colmarle.

“Era l’obiettivo che ci eravamo prefissati a inizio stagione – commenta Mauro Giorico – e siamo molto soddisfatti di averlo raggiunto addirittura con due giornate di anticipo. Dedico il risultato ai miei familiari, ai dirigenti, al mio staff, ai giocatori e ai tifosi”.

La squadra tra dicembre e febbraio ha affrontato un periodo nero di 10 sconfitte consecutive. “E’ stata una stagione molto travagliata per via dei numerosi infortuni – spiega l’allenatore -. Non avendo un organico folto come quello di tante altre squadre, abbiamo patito particolarmente il problema, l’assenza di giocatori importanti per lungo tempo ci ha messi in difficoltà. Nuvoli a fine campionato conterà pochissime presenze. Loi, su cui puntavamo molto, ha fatto pochissime partite. Fermi per numerose settimane anche Bonacquisti, Moi, Busatto, Pandolfi, e Trillò, nel suo momento migliore. Abbiamo fatto fatica, chiaramente”.

Ma la società ha continuato a credere in mister Giorico, nonostante non arrivassero i risultati. “Non arrivavano i punti ma le buone prestazioni non mancavano. A Carrara facemmo una grande partita. Contro l’Arezzo sbagliammo un calcio di rigore che ci avrebbe consentito di pareggiare. Con la Juventus ugualmente, sconfitta immeritata alla luce della prestazione. Producevamo un ottimo gioco ma non riuscivamo a finalizzare. La società ci è stata vicina. Ha puntato su di me e sul mio staff perchè era consapevole di tutte le vicissitudini che ci hanno ostacolati quest’anno e vedevano come stavamo lavorando. Ci mancava poco perchè la squadra si sbloccasse e iniziasse a finalizzare le azioni d’attacco. Ma le prestazioni c’erano anche quando venivamo sconfitti“.

Dopo il periodo nero, l’Arzachena Calcio vince con la Lucchese e infila una serie di sette risultati utili, sei vittorie e un pareggio, con un’unica sconfitta a Vercelli, che hanno portato la squadra a scalare la classifica.

Quando abbiamo potuto schierare i giocatori che avevano recuperato la condizione dopo gli infortuni la squadra ha ripreso a segnare, giocando bene, con alcuni risultati eclatanti come le vittorie di Alessandria e Siena. Ci hanno dato una mano anche i nuovi acquisti”.

In particolare, tra le esigenze della squadra, mister Giorico aveva indicato al direttore sportivo la necessità dell’acquisto di una punta di peso che potesse dare anche nuove soluzioni in attacco. E’ arrivato Cecconi, che ha fatto diversi gol, e con il suo arrivo ha ripreso a segnare anche il bomber Sanna “Ci mancava un ariete. Cecconi ci ha dato la possibilità di schierare nuove coppie di attacco, e i risultati sono stati buoni“.

Il campionato è stato rovinato per via di penalizzazioni ed esclusioni, vista la partecipazione di società che non hanno saputo onorare l’impegno economico. “Tutti ci siamo fatti un’opinione su ciò che è accaduto. La Lega ha preso dei provvedimenti e introdotto nuove regole più rigide, sono sicuro che la prossima stagione non vedremo ripetersi situazioni del genere. Chi non ha i titoli, come ad esempio le fideiussioni in regola, non parteciperà al campionato. Il girone B della Lega Pro è un esempio, nessuna squadra ha dovuto subire penalizzazioni perchè tutti hanno rispettato le regole.”

L’Arzachena Calcio pensa già al futuro, anche alla luce delle nuove regole sui fuori quota, e sembra scontata la conferma del tecnico. “Mancano ancora due partite, attendiamo la fine del campionato. Poi coi vertici della società faremo il punto della situazione e parleremo della prossima stagione. Se si trova l’accordo io sono ben felice di rimanere in un posto in cui sto bene e con una società che mi ha dato tanto. Questo è già il quinto anno in cui siedo su questa panchina, quindi perchè no? Se c’è l’intento di entrambe le parti, benvenga“.

Forse il prossimo anno si potrebbe pensare anche a obiettivi più importanti. “Andrà fatto qualche ritocco alla luce delle regole sui fuoriquota, ma se rimangono la maggior parte dei giocatori, è un buon gruppo e può far bene anche l’anno prossimo“.

L’allenatore ha dedicato la salvezza anche ai tifosi, sempre vicini alla squadra e affettuosi anche nei momenti più difficili, pur con un accenno di bonaria protesta nel periodo delle 10 sconfitte consecutive. La squadra li ha ringraziati coi fatti, conquistando la salvezza in anticipo di due giornate e vincendo il derby contro l’Olbia Calcio sia all’andata che al ritorno. “Sono sempre stati vicini a questi colori. Meritano di sostenere una squadra di questa categoria anche visti i sacrifici. L’anno scorso dovevano seguire le partite in casa a Olbia, perchè lo stadio di Arzachena non era disponibile, ma ci hanno sempre sostenuti. Adesso che c’è lo stadio di Arzachena disponibile potranno seguirci con meno difficoltà, e speriamo che superato questo problema aumentino di numero“.

Foto: www.arzachenacalcio.it

(Visited 321 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!