Calcio, Eccellenza: il Porto Rotondo si esalta contro il Bosa

Exploit degli olbiesi, 5 a 2 al Bosa, e la salvezza diretta adesso è a soli 3 punti.

È arrivata la vittoria eclatante, dopo una serie di partite in cui il Porto Rotondo aveva dominato senza riuscire a portare a casa il risultato – blackout di domenica scorsa a parte -. I biancazzurri mettono subito le cose in chiaro. Al 4′ segna Mascia. Grande azione sulla sinistra di Bulla, che mette il pallone dietro per l’accorrente centrocampista olbiese, che realizza il gol dell’1 a 0 driblando un avversario. Al 23′ nuova azione sulla sinistra, questa volta è Mulas a mettere il pallone del centro dove Derosas si fa trovare pronto per il 2 a 0. Al 46′ nuovo cross di Mulas dalla sinistra, tocco di mano di un difensore del Bosa ed è ancora gol del Porto Rotondo con Mascia, su calcio di rigore. Al 3′ del secondo tempo Mascia lancia con un passaggio filtrante Mulas, che mette il pallone dietro dove Pilosu di piatto batte per la quarta volta il portiere del Bosa. Al 30′ è Muzzu, su calcio d’angolo, a battere per la quarta volta il portiere ospite. 5 a 0, e a questo punto la squadra olbiese si rilassa. All’81’ la squadra ospite trova il primo gol con Salvatore Carboni su calcio di rigore. Chiude i conti Pinna in tuffo di testa su calcio d’angolo, 5 a 2.

Grande soddisfazione per la squadra, col morale alle stelle. Agganciato il Ghilarza al quartultimo posto e salvezza diretta a soli tre punti di distanza. “È andata bene – afferma il dirigente del Porto Rotondo Marco Piemonte, abbiamo vinto 5 a 2 sfruttando le occasioni e senza fare errori in difesa. Come capitato in altre partite in cui abbiamo collezionato numerose occasioni, anche stavolta abbiamo creato tanto. La differenza è che questa volta non abbiamo sprecato le occasioni e non abbiamo commesso errori grossolani in difesa. Il risultato della partita non è mai stato in discussione perché l’avversario ha fatto veramente poco. Noi siamo rimasti concentrati fin dal primo minuto, abbiamo giocato bene, il nostro portiere non ha dovuto lavorare molto oggi. Dopo aver sbloccato la partita e aver fatto due a zero, gli avversari hanno tirato i remi in barca. Ci siamo rilassati sul finale, col risultato già ampiamente acquisito – continua il dirigente -. Abbiamo già fatto partite di questo genere, però senza fortuna, non sfruttando le varie occasioni create e con qualche disattenzione di troppo in difesa. In alcune partite, per colpa di nostri errori, sono rientrati in partita avversari su cui eravamo in vantaggio per 2 o 3 a 0. L’allenatore ha lavorato bene in settimana e ha preparato al meglio la partita curando i dettagli. Dobbiamo mantenere la concentrazione per tutta la partita, infatti oggi abbiamo fatto tutto quasi alla perfezione. Difesa attenta, pallone a terra, gli attaccanti hanno dato una mano con il pressing anche in fase difensiva. Abbiamo fatto una partita intensa, e oggi non c’è stata storia. Speriamo di continuare così, dopo la sosta incontreremo l’Arbus, una buona squadra. Ci sono ancora tante partite, non siamo all’ultima spiaggia, e dobbiamo giocare come sappiamo contro tutte e cercare il risultato in ogni occasione, perché abbiamo dimostrato di poterlo fare. Siamo consapevoli di avere i mezzi per tirarci fuori dalle sabbie mobili“, conclude Piemonte.

Il Porto Rotondo con questa vittoria riaggancia il Ghilarza con 18 punti al quartultimo posto, a sole tre lunghezze dalla zona salvezza. “L’importanza della vittoria, più che per la classifica è per il morale – afferma mister Simone Marini subito dopo la partita -. In questa fase non dobbiamo guardare la classifica. C’è ancora tanta strada, e ci sono tante battaglie ancora da condurre. Importantissima invece per il morale, perché supporta la nostra consapevolezza. Venivamo da un periodo frustrante in cui a buone prestazioni non corrispondevano i risultati. Dopo la sconfitta pesante di domenica scorsa, siamo stati bravi e abbiamo creduto nel risultato. Dopo essere andati in vantaggio abbiamo continuato a giocare per la ricerca del gol. Tutti si sono applicati per Portare a casa questo risultato. Avevamo voglia di festeggiare a fine partita. Peccato per i due gol arrivati sul finale, sarebbe stato meglio non prenderli, ma questo non scalfisce da nostra grandissima prestazione. Vittoria legittima, che poteva essere anche più rotonda, dato che loro portiere ha fatto delle parate importanti, e abbiamo anche preso una traversa e un palo. Abbiamo tenuto alta la guardia, a cominciare dalla difesa e dal portiere. Bene il centrocampo, molta applicazione anche in avanti da parte degli attaccanti anche in fase di non possesso, e questo ci ha facilitati. Abbiamo preparato la partita come tutte le altre volte, studiando le nostre misure in relazione alle caratteristiche dell’avversario. I ragazzi sono stati bravissimi ad attaccare gli spazi, come nell’occasione dell’azione di Bulla sulla sinistra, che è andato via agli avversari e ha messo un gran pallone al centro. Abbiamo voluto tutti fortemente la vittoria”

E se domenica scorsa la sconfitta era totalmente colpa dell’allenatore, questa volta il merito della vittoria “è tutto della squadra – precisa Marini, ridendo -. L’allenatore, per come la vedo io, deve cercare di rendere il meglio possibile i suoi giocatori. La differenza però la fanno sempre i giocatori in campo. Infatti la vittoria di oggi è merito assolutamente dei giocatori, che sono stati bravi a concludere e finalizzare, magari con un po’ più di concretezza rispetto ad altre volte. Quindi bravi loro assolutamente anche per come si sono allenati. Questa settimana abbiamo fatto quattro allenamenti, l’abbiamo preparata in maniera meticolosa. Tutti bravi.”

PORTO ROTONDO: Melis, Rassu A., Faedda, Muroni, Budroni, Muzzu, Pilosu, Derosas, Mulas, Mascia, Bulla. In panchina: Deiana, Frisciata, Rassu G., Piemonte, Passalenti, Tusacciu, Fresu, Dati, Vitiello. Allenatore: Marini.

BOSA: Sechi, Pinna, Mattiello, Maida, Ledda, Bachis, Oggiano, Pischedda, Spada, Carboni R, Carboni S. In panchina: Mastinu, Fiori, Ruggiu, Cabiddu, Mulas, Dettori, Pischedda, Pinna. Allenatore: Salv. Carboni.

Ammoniti: Pischedda (B)

Reti: 4′, 46’r Mascia (P), 23′ Derosas (P), 48’Pilosu (P), 75′ Muzzu (P), 81′ Salv. Carboni (B), 89′ Pinna (B)

(Visited 283 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!