Bambino segretato in casa ad Arzachena, confermati gli 8 anni per i genitori e la zia

La decisione della Corte d’appello per i maltrattamenti ad Arazchena.

E’ stata confermata anche dalla Corte d’appello di Cagliari la condanna ad 8 anni nei confronti dei genitori e della zia del bambino segregato ad Arzachena in quella che è tristemente ricordata come la casa degli orrori.

La sentenza ha quindi confermato la decisione del giugno dello scorso anno senza concedere le attenuanti per i 3. Una triste vicenda quella che è emersa dopo che il piccolo è riuscito a dare l’allarme allertando le forze dell’ordine.

Da quel momento le indagini sono riuscite a ricostruire le punizioni subite dal bambino, che veniva segregato in una stanza al buio per ore senza il materasso e con solo un secchio per fare i bisogni. Sin da subito emersero le gravi responsabilità dei genitori e successivamente si scoprì il ruolo della zia, anche attraverso degli audio ritrovati nei cellulari: alcune registrazioni di voci alterate in cui il bambino veniva minacciato di “essere portato all’inferno dai demoni”. Proprio quelle prove portarono all’arresto della zia, considerata la “regista” dei maltrattamenti. 

(Visited 1.300 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!