Calcio gallurese. L’Arzachena cade a Carrara, l’Olbia pareggia in casa

Olbia Calcio - Albissola

Finale del 2018 da dimenticare per le galluresi

Le due galluresi di Lega Pro perdono, ed i rispettivi tecnici attendono rinforzi dal calcio mercato di gennaio. Festeggia solo il Calangianus, vittorioso nel recupero nell’ultima partita del 2018.

Carrarese 2 – Arzachena 0 Una occasione creata e sciupata in contropiede da Sanna, bravo a rubare il pallone a un difensore, ma autore di un tiro fiacco al momento di concretizzare, un gol subito con tutti i difensori e il portiere fermi per un evidente fallo subito da un difensore biancoverde ma non rilevato dall’arbitro. Si può riassumere con queste due azioni la stagione dell’Arzachena, sfortunato in episodi chiave, ingenuo e disattento in situazioni che spesso hanno determinato l’andamento negativo di partite ben giocate. Mister Giorico ha analizzato la partita, confermando le controverse decisioni dell’arbitro e rimarcando il fatto che se Sanna avesse concretizzato l’occasione, portando gli smeraldini sull’1 a 0 a diciotto minuti dalla fine, la partita sarebbe andata diversamente. “Anche questa partita è stata ben giocata e interpretata. Dovevamo giocare di rimessa e abbiamo concesso veramente poco. La squadra anche oggi imbottita di giovani non ha assolutamente demeritato in questa gara. Per fortuna è finito il 2018, speriamo che nel 2019 cambi musica. Recupereremo gli infortunati e due o tre elementi saranno da prendere sul mercato anche per darci una mano coi cambi. Sicuramente arriverà un attaccante di peso, che ci vuole perchè in avanti facciamo un po’ di fatica. Avere un giocatore che consenta di cambiare qualcosa anche a partita in corso è fondamentale”. La Carrarese è andata in gol al 73’ con Ricci e al 79’ con Coralli.

Olbia Calcio 1 – Albissola 1 L’Olbia ha pareggiato l’ultima partita del 2018, giocata davanti al proprio pubblico. Vantaggio bianco con Ogunseye al 21’ e pareggio all’82’ degli ospiti con Damonte. Il tecnico Carboni ha commentato il pareggio con amarezza. “Avremmo meritato di vincere, sono arrabbiato – ha affermato l’allenatore olbiese – Siamo passati in vantaggio, abbiamo sfiorato più volte il raddoppio e alla fine abbiamo buttato via la partita. È evidente che abbiamo qualche problemino, quando arriva il momento decisivo forse ci facciamo prendere dalla paura di vincere. È davvero difficile farsene una ragione. Da quando sono arrivato penso che a livello di prestazione siamo mancati solo a Novara, la squadra è sempre viva e combatte, ma forse difetta in personalità. Se non si vince da così tanto tempo vuol dire che ci sono dei limiti e che si deve intervenire per superarli. Qualcosa bisognerà fare nella finestra di gennaio, io da parte mia darò sempre il massimo per tirare fuori il meglio da questa squadra”.

In Eccellenza, il Porto Rotondo ha perso 2 a 1 in casa il recupero della 16’ giornata contro il Monastir. Passati in vantaggio con Kozeli al 32’, i galluresi hanno perso subendo i gol di Lai al 22’ del 2°t. e Tronu al 44’ del 2°t.

In Promozione, il Calangianus ha vinto 4 a 1 contro il Posada il recupero della 13’ giornata, giocando al “Limbara” di Luras. Hanno segnato Franca al 16’, Ferreira – doppietta al 41’ e al 36’ del 2°t. –  e Corongiu al 48’ del 2°t. per il Calangianus, mentre il gol della bandiera per il Posada è stato di Zela al 9’ del 2°t.

(Visited 169 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!