Inaugurato il nuovo lungomare di Olbia: “Entro Natale la seconda parte”

L’inaugurazione del lungomare di Olbia.

Il lungomare più atteso di Olbia è stato inaugurato e aperto al pubblico. Stamattina dopo il taglio del nastro si è proceduto a scoprire anche le targhe della nuova piazza e delle strade laterali.

È stata una cerimonia partecipata quella dell’inaugurazione della prima parte dei lavori, il secondo lotto riguarda tutta via Genova, fino al molo Bosazza. “La seconda parte sarà pronta entro sei mesi, a Natale – ha detto il sindaco di Olbia Settimo Nizzi -. Il Comune ha chiesto di usare un ribasso d’asta al Ministero ed è stato accordato avendo preparato una variante. Abbiamo messo un milione e 700mila euro in più di fondi comunali per poter terminare i lavori”.

Le dichiarazioni prima del taglio del nastro.

Il lungomare intitolato all’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga. Alla cerimonia erano presenti gli assessori regionali della Programmazione, Giuseppe Fasolino, e degli Enti locali, Quirico Sanna. “È un momento importante per la comunità olbiese – ha detto l’assessore Fasolino – perché viene realizzata una riqualificazione che cambia e valorizza il volto di questa zona della città. Fondamentale è stata anche la scelta dell’amministrazione di intitolare questa opera a Francesco Cossiga, un grande uomo che è riuscito a esprimere nel migliore dei modi i veri valori della sardità”.

“Oggi è una giornata importante per tutta la Gallura, ben rappresentata da una città che è il faro di questo territorio – ha sottolineato l’assessore Sanna -. Olbia si riappropria in pieno del suo mare con un’opera che sarà sicuramente il salotto della città, dove si potranno svolgere diverse attività, sportive e sociali. Quest’opera è stata realizzata in tempi rapidi ed è un ottimo esempio di buona amministrazione e della politica del fare”.

La storia della riqualificazione.

Il nuovo viale dell’Ansa sud di Olbia ha cambiato completamente il volto della città, una zona sempre stata preda del degrado. I lavori sono cominciati alla fine del 2018, ma bisogna andare a ritroso. Nel 2000 il Comune di Olbia aveva fatto una prima riqualificazione di piazza Crispi e di via Redipuglia. La piazza viene rifatta abbattendo i pini attorno e rifacendo la pavimentazione distrutta dalle radici.

Quella che oggi è via Craxi diventa una zona pedonale. Anche la pavimentazione di via Redipuglia viene ammodernata, con i sanpietrini. Nonostante i lavori non si risolve il degrado e sul mare passa ancora la maggior parte del traffico cittadino. Allora a gennaio 2007 l’amministrazione comunale di allora fa un piano strategico per la riqualificazione di Olbia e viene approvato in Consiglio comunale. Il Ministero approverà nel novembre del 2008.

Nel 2013 l’amministrazione comunale di al Ministero di poter usare i fondi del patto territoriale per riqualificare quella zona, assieme all’Autorità portuale e Direzione marittima. Quest’ultima, guidata dall’Ammiraglio Martello, dona l’area al Comune e il Ministero concede al Comune l’uso dei fondi – 10 milioni facenti parte del vecchio patto territoriale della Gallura che il Comune sigla nel 1998 – per intervenire sulla piazza e le aree sul mare.

Sempre nello stesso anno, viene elaborato il progetto preliminare, che viene approvato l’anno dopo e viene finanziato per 7 milioni. Nel 2016 viene indetto un bando per elaborare il progetto esecutivo, per un cambio di normativa, e la Sinergica vince la gara di appalto. Nel 2018 cominciano i lavori e nel 2019 viene abbattuta la caserma dei vigili del fuoco. Oggi al suo posto sono stati installati delle pietre angolari che riprendono la sagoma del palazzo che non c’è più.

(Visited 946 times, 1 visits today)

Note sull'Autore

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!